I nostri animali e la vita in condominio

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le norme a cui attenersi per una serena vita in condominio.

 

 

Consigli dal mondo immobiliare!

 

Il Natale è per tutti noi la festa familiare per eccellenza: momenti magici da trascorrere nelle nostre case, tra parenti e amici, e…per tanti di noi non solo 😉

Gli animali domestici, in queste occasioni, occupano un ruolo fondamentale poichè sono integrati nella nostra famiglia e nella nostra Casa.

 

È bene perciò conoscere i propri diritti e doveri in merito.

 

 

I nostri amici a quattro zampe fanno ormai parte della nostra quotidianità.

Ma, allo stesso tempo sono ancora  motivo di discussione e incertezze sulle regole legate ad essi ed alla vita condominiale!

Cosa dice la legge?

Scopriamo insieme  le informazioni base sull’argomento 🙂

 

 

L’introduzione di una legge in vigore dal 18 giugno 2013, stabilisce che:

“Le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali da compagnia”.

 

Questo divieto costituirebbe una limitazione dei diritti delle persone agli affetti familiari, in virtù del fatto che cani e gatti vengono considerati parte integrante della famiglia.

 

Il diritto di detenere un animale nella propria casa implica il diritto all’utilizzo delle parti comuni, perché sono proprietà di tutti i condomini. Come non si può vietare al vicino di possedere un cane, non gli si può nemmeno vietare di prendere l’ascensore.

 

Sappiate quindi che qualunque delibera condominiale che contiene disposizioni simili può essere annullata presentando ricorso al Giudice di Pace entro 30 giorni.

 

Inoltre, se il divieto nei confronti dell’animale non fosse stato discusso come l’argomento all’ordine del giorno, ma come varie ed eventuali, la delibera è già da considerarsi nulla.

 

IMPORTANTE!

L’unico regolamento ancora valido è quello di tipo contrattuale, citato nel contratto di vendita o di affitto. Cioè, nessun padrone di casa può decidere autonomamente di mettere questa restrizione, deve essere accettata all’unanimità da tutti i condomini.

 

Se invece questo regolamento è stato approvato prima che voi prendiate casa, sappiate che, firmando il contratto, il regolamento si intende sottoscritto ed accettato.

 

  • Un animale può essere allontanato dal condominio solo in casi estremi, come problemi di tipo igienico-sanitari che metterebbero a rischio la salute pubblica.

 

  • Oppure se il cane è particolarmente aggressivo da costituire un pericolo. Questi casi devono SEMPRE essere accertati da professionisti o servizi pubblici come la ASL.

 

  • Diverso il discorso dei rumori: difficile che il cane venga allontanato, ma il padrone può incorrere ad una sentenza di disturbo della quiete pubblica. Questo però solo se i cani abbaiano con continuità e oltre la soglia della tolleranza, inoltre devono disturbare una pluralità di persone.

 

La legge tutela i proprietari di animali, ma anche chi possiede un cane deve seguire certe regole:

tenerlo al guinzaglio nelle aree comuni, raccogliere eventuali deiezioni, calmarlo o portarlo fuori se abbaia.

 

 

 

RICORDA! Per queste festività proteggi i tuoi animali domestici dai botti di fine anno!

 

Lo staff di Andrea Onali & Associati Vi augura di trascorrere queste feste in totale serenità con i vostri amici pelosi 😉

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi articoli?
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy

Andrea Onali
Seguici

Andrea Onali

Consulente Immobiliare at Andrea Onali & Associati
Siamo consapevoli che, prima ancora che di immobili, ci occupiamo di PERSONE. L'ETICA è il VALORE PRIMARIO alla base del nostro CODICE DEONTOLOGICO.
Competenza, professionalità, attenzione alle singole esigenze sono la logica conseguenza dei VALORI che desideriamo esprimere.
Andrea Onali
Seguici

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •